INTERVENTO CHIRURGICO E CONFERMA PER ILARIA BATTISTONI

INTERVENTO CHIRURGICO E CONFERMA PER ILARIA BATTISTONI

Il Bisonte Firenze comunica che stamattina la palleggiatrice Ilaria Battistoni è stata operata presso la Clinica Villa Cherubini di Firenze dal professor Fabrizio Matassi, per la ricostruzione del legamento crociato anteriore e del menisco laterale del ginocchio sinistro. L’intervento chirurgico è perfettamente riuscito, e adesso Ilaria comincerà subito la riabilitazione per poter tornare prima possibile in campo: la società ribadisce la piena fiducia nella propria regista, e per questo annuncia ufficialmente che farà parte del roster della prima squadra anche nella stagione 2024/25, dopo essere stata protagonista di un grande campionato nel suo primo anno con la maglia de Il Bisonte.

LE PAROLE DI ILARIA BATTISTONI – “Sono molto contenta di giocare un altro anno per Il Bisonte, mi sono trovata bene a Firenze perché è un ambiente in cui si può lavorare nelle migliori condizioni, ma soprattutto, in un momento per me difficile come quello che sto vivendo, sento la fiducia da parte della società: adesso posso pensare solo al mio recupero, sperando di tornare in campo prima possibile e nelle migliori condizioni possibili. Per la prossima stagione, essendoci alcuni cambiamenti e novità, dovremo cercare di trovare subito un nuovo equilibrio, poi l’obiettivo sarà certamente quello di migliorarsi rispetto a quest’anno”.

IL SALUTO A COACH PARISI E A COACH CERVELLIN

IL SALUTO A COACH PARISI E A COACH CERVELLIN

Il Bisonte Firenze comunica che coach Carlo Parisi e il suo vice Marcello Cervellin non faranno più parte dello staff tecnico della prima squadra. Si separano dunque i percorsi professionali con due allenatori, e soprattutto con due uomini, che rimarranno indissolubilmente legati alla storia della società. Carlo Parisi è arrivato a Firenze nel gennaio del 2023, e in un anno e mezzo ha sfiorato la prima storica qualificazione de Il Bisonte alle coppe europee e ha riportato la squadra in Coppa Italia, chiudendo la sua esperienza con 20 vittorie in 45 panchine da coach, per una percentuale di successi del 44,4%, seconda solo a quella di Caprara (44,8%) fra gli allenatori delle bisontine in A1. Otto invece le stagioni da vice di Marcello Cervellin, che dal 2016 a oggi ha lavorato con Bracci, Caprara, Mencarelli, Bellano e Parisi, vivendo da protagonista i più grandi successi del club in A1, e che ha anche guidato la prima squadra per tre partite nel 2020, dopo la separazione con Caprara e prima dell’interruzione per il Covid-19. A entrambi vanno i più sentiti ringraziamenti da parte del patron Wanny Di Filippo e del presidente Elio Sità, e anche i migliori auguri per un futuro sempre più ricco di soddisfazioni personali e sportive.

IL BISONTE CHIUDE LA STAGIONE CON UNA BELLA VITTORIA CONTRO CUNEO

IL BISONTE CHIUDE LA STAGIONE CON UNA BELLA VITTORIA CONTRO CUNEO

IL BISONTE FIRENZE 3

HONDA OLIVERO SAN BERNARDO CUNEO 1

 

IL BISONTE FIRENZE: Acciarri 14, Ribechi, Ishikawa 8, Magni (L2) ne, Leonardi (L1), Alsmeier 19, Cesè Montalvo ne, Kipp 23, Lazic 8, Mazzaro 7, Graziani ne, Agrifoglio, Kraiduba ne. All. Parisi.

HONDA OLIVERO SAN BERNARDO CUNEO: Scola, Tanase, Ferrario (L2) ne, Sylves 8, Stigrot 14, Kubik 9, Ter Brugge ne, Enweonwu 18, Signorile, Hall 5, Scognamillo (L1), Haak 9, Molinaro. All. Micoli.

Arbitri: Florian – Lot.

Parziali: 24-26, 25-22, 25-20, 25-21.

Note – durata set: 25’, 30’, 30’, 28’; muri punto: Il Bisonte 3, Cuneo 6; ace: Il Bisonte 9, Cuneo 5; spettatori 1013.

Il Bisonte Firenze chiude con onore la sua stagione, conquistando l’undicesimo successo in campionato grazie al 3-1 di Palazzo Wanny contro la Honda Olivero San Bernardo Cuneo, che tra l’altro costa la retrocessione in serie A2 alle gatte. Sicuramente la squadra di Micoli aveva più motivazioni dal punto di vista della classifica, tant’è che ha lottato con il cuore fino all’ultimo punto, trascinata da una trentina di tifosi rumorosissimi giunti fino a Firenze dal Piemonte, ma le bisontine, già sicure del decimo posto, non volevano sfigurare, e hanno giocato una gran partita, con la sfortunata Ilaria Battistoni a tifare da bordo campo: le sue compagne, orchestrate alla perfezione da Beatrice Agrifoglio, hanno reagito alla grande dopo aver perso il primo set, e alla fine si sono portate a casa tre punti meritati, con il primo titolo MVP della carriera in A1 per la diciannovenne Nausica Acciarri (14 punti col 55% in attacco, tre ace e un muro), con le schiacciate della top scorer Kendall Kipp (23 punti col 48%) e con un grande quarto set di Alexandra Lazic, entrata al posto di Ishikawa e capace di realizzare sette punti nel parziale.

Coach Parisi – che deve fare a meno dell’infortunata Battistoni e che per completare il roster si porta in panchina dal settore giovanile la classe 2008 Camilla Magni – schiera Agrifoglio in palleggio, Kipp opposto, Ishikawa e Alsmeier in banda, Acciarri e Mazzaro al centro e Leonardi nel ruolo di libero, mentre Micoli, privo di Adelusi, risponde con Signorile in regia, Enweonwu opposto, Stigrot e Haak in posto quattro, Hall e Sylves al centro e Scognamillo libero.

Cuneo fa subito intuire la sua voglia di salvarsi e parte fortissimo col turno in battuta di Enweonwu (1-4), ma Il Bisonte non ci sta e Ishikawa pareggia e sorpassa con due ace di fila (6-5), per poi allungare sul + 2 con Alsmeier (7-5) provocando il primo time out di Micoli: un altro ace, stavolta di Alsmeier, scava il + 4 (13-9), il turno in battuta di Enweonwu fa di nuovo male (14-13), poi Sylves impatta col servizio vincente del 16-16, e si entra in una fase punto a punto fino a quando Stigrot spariglia tutto con l’attacco del 23-24. Parisi spende il time out, al rientro Alsmeier annulla il set point (24-24), ma Stigrot ne procura un altro e alla fine è un’incomprensione fra Agrifoglio e le sue attaccanti a sancire la chiusura del set (24-26).

Nel secondo set, sul 5-4, Micoli inserisce Kubik per Haak, poi Ishikawa mette il 6-4 e Micoli chiama time out, ma Il Bisonte continua a spingere e Kipp aumenta il gap a + 4 (12-8): la stessa Kipp trova l’ace del 16-10, poi Cuneo reagisce e Sylves accorcia con due fast per il 16-14, con Parisi che inserisce Lazic per Ishikawa, e Kipp e Acciarri che ristabiliscono il + 4 (18-14). Sull’ace di una scatenata Acciarri (20-15) Micoli deve chiamare time out, poi sono un paio di errori delle bisontine a rimettere in partita le gatte (21-18) e allora Parisi saggiamente ferma il gioco: al rientro Alsmeier ci mette la sua solita magia (22-18), poi Enweonwu trova l’ace del – 2 (23-21) che provoca il secondo time out di Parisi, e subito dopo è Kipp a procurare tre set point (24-21), con la stessa americana (nove punti nel set) che chiude col mani-out del 25-22.

Nel terzo rimane in campo Kubik e il primo strappo è di Firenze (7-5) con Micoli che ferma subito il gioco, poi Alsmeier allunga col diagonale del 10-6 e Cuneo cambia in regia con Scola per Signorile, ma la situazione non migliora e sul 15-9 Micoli deve spendere il secondo time out: la reazione c’è e porta al 16-13 e al conseguente time out di Parisi, sul 16-14 entra Lazic per Ishikawa ma adesso Cuneo è on fire e Sylves trova il muro del 17-16. Qui Il Bisonte si ritrova con Lazic e Alsmeier (19-16), poi Kipp attacca profondo per il 21-17 e Micoli inserisce Haak per Stigrot e Molinaro per Hall, ma Acciarri piazza l’ace del 23-17 e alla fine è Kipp a chiudere 25-20.

Nel quarto rimangono in campo Lazic da una parte e Haak (per Kubik) e Molinaro dall’altra, ed è proprio Lazic, insieme a Acciarri e Mazzaro, a scavare il primo break (14-11) con Micoli che rimanda in campo Kubik per Haak: Enweonwu non vuole mollare (17-16), Lazic è scatenata e riallunga sul 19-16 e allora Micoli spende il time out, ma Il Bisonte non molla niente, con Kipp che trova il 23-19, Alsmeier il 24-20 e Mazzaro il 25-21 che chiude i conti.

LE PAROLE DI CARLO PARISI – “Oggi le motivazioni contavano tanto e le nostre erano motivazioni diverse, perché non avevamo niente da chiedere alla classifica ma avevamo un grande desiderio di chiudere al meglio la stagione e onorare il lavoro fatto durante l’anno. Voglio vedere la parte positiva di una stagione come questa: ci siamo ritrovate all’ultimo momento, con una squadra rifondata da zero e tante giocatrici alla prima esperienza in A1, ma il modo di allenarsi nel quotidiano non è mai stato in discussione ed è stato un piacere stare in palestra con le ragazze. Io vedo il bicchiere mezzo pieno e colgo l’occasione per salutare i tifosi de Il Bisonte e questo ambiente in cui è sempre bello lavorare e vivere”.

ULTIMO ATTO A PALAZZO WANNY, C’É IL BISONTE-CUNEO

ULTIMO ATTO A PALAZZO WANNY, C’É IL BISONTE-CUNEO

La stagione de Il Bisonte Firenze è giunta al suo atto conclusivo: domani alle 17, a Palazzo Wanny, si gioca il match dell’ultima giornata della Serie A1 Tigotà contro la Honda Olivero San Bernardo Cuneo, e l’occasione è quella giusta per provare a congedarsi al meglio davanti al proprio pubblico. D’altronde, obiettivi di classifica non ce ne sono: le bisontine sono già matematicamente certe del decimo posto, né migliorabile né peggiorabile, ma dall’altra parte della rete troveranno una squadra che invece è affamata di punti, visto che Cuneo si gioca la salvezza con Bergamo, ma in caso di successo pieno per 3-0 o 3-1 manterrebbe aritmeticamente la categoria. Per questo la squadra di coach Carlo Parisi ha tutta l’intenzione di lottare fino all’ultimo pallone, con l’obiettivo di onorare il campionato e di regalarsi anche un’ultima vittoria da dedicare a Ilaria Battistoni, che contro Milano si è procurata la rottura del legamento crociato anteriore e del menisco laterale del ginocchio sinistro.

EX E PRECEDENTI – Le ex della sfida sono quattro: nella Honda Olivero ci sono Amandha Sylves, che ha giocato a Firenze nelle ultime due annate, Anna Adelusi, bisontina nello scorso campionato, e Terry Enweonwu, protagonista con la maglia de Il Bisonte nelle ultime tre stagioni, mentre a Firenze c’è Beatrice Agrifoglio, che ha giocato nella San Bernardo per tre annate, nel 2019/20 e poi negli ultimi due campionati. I precedenti fra le due squadre sono tredici, con sette successi per le bisontine (di cui gli ultimi quattro consecutivi) e sei per la San Bernardo.

LE PAROLE DI CARLO PARISI – “Siamo arrivati all’ultima partita della stagione, che per noi riveste un’importanza particolare, perché vogliamo finire bene questo campionato: lo dobbiamo fare per noi, per il lavoro che abbiamo fatto quest’anno, per Ilaria Battistoni a cui faccio un grande in bocca al lupo e per i nostri tifosi. È stata un’annata di alti e bassi, probabilmente avremmo potuto anche fare meglio, ma una squadra giovane come la nostra, con tante esordienti in A1, ha fisiologicamente dovuto affrontare diverse difficoltà, che però non ci devono distogliere dall’obiettivo di battere Cuneo per finire bene la stagione e onorare fino in fondo il campionato”.

LE AVVERSARIE – La Honda Olivero San Bernardo Cuneo di coach Stefano Micoli dovrebbe schierarsi con Noemi Signorile (classe 1990) in palleggio, Terry Enweonwu (2000) come opposto, la francese Amandha Sylves (2000) e la statunitense Anna Hall (1999) al centro, la tedesca Lena Stigrot (1994) e la svedese Anna Haak (1996) in posto quattro, e Serena Scognamillo (2001) nel ruolo di libero.

IN TV – La partita fra Il Bisonte Firenze e Honda Olivero San Bernardo Cuneo sarà trasmessa in diretta tv su Sky Sport Uno (canale 201 del bouquet Sky) per gli abbonati alla piattaforma satellitare, con telecronaca di Stefano Locatelli e Francesca Piccinini. Il match sarà visibile anche in diretta streaming su Volleyball World Tv, previa sottoscrizione di un abbonamento sul sito www.volleyballworld.tv. Inserendo il codice FIRENZE20 ci sarà la possibilità di usufruire del 20% di sconto sull’abbonamento.

REPORT MEDICO ILARIA BATTISTONI

REPORT MEDICO ILARIA BATTISTONI

Il Bisonte Firenze comunica che gli esami clinici effettuati a Villa Donatello da parte della palleggiatrice Ilaria Battistoni hanno purtroppo evidenziato la rottura del legamento crociato anteriore e del menisco laterale del ginocchio sinistro. La ventisettenne marchigiana si sottoporrà nei prossimi giorni all’intervento chirurgico di ricostruzione, per poi cominciare subito la riabilitazione in vista della prossima stagione: a Ilaria va un grande in bocca al lupo da parte di tutta la società, con l’augurio di una pronta guarigione e di un rientro in campo più rapido possibile.