CASALMAGGIORE RIMANE TABÙ, IL BISONTE BATTUTO 3-0 A CREMONA

3 Feb 2024

TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE 3

IL BISONTE FIRENZE 0

 

TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE: Perinelli 5, Avenia ne, Colombo 1, Lohuis 13, Manfredini 6, De Bortoli (L1), Hancock 2, Edwards ne, Faraone, Obossa, Smarzek 19, Cagnin 4, Lee 15, Baccarini (L2) ne. All. Pintus.

IL BISONTE FIRENZE: Ribechi, Leonardi (L), Battistoni 1, Alsmeier 12, Cesé Montalvo 1, Kipp 10, Lazic 7, Mazzaro 7, Graziani 7, Agrifoglio, Kraiduba 3, Stivrins ne. All. Parisi.

Arbitri: Giardini – Chiriatti.

Parziali: 25-21, 34-32, 25-18.

Note – durata set: 25’, 45’, 27’; muri punto: Casalmaggiore 7, Il Bisonte 8; ace: Casalmaggiore 4, Il Bisonte 4.

Continua la maledizione Casalmaggiore per Il Bisonte Firenze, che subisce una sconfitta pesante al PalaRadi di Cremona – la quinta consecutiva contro le rosa – e mette a rischio la sua posizione in zona play off, in attesa della gara di domani di Roma: sicuramente ha pesato l’assenza di Ishikawa, out all’ultimo minuto per una indisposizione, ma come contro Roma, il livello della prestazione delle bisontine non è stato all’altezza delle uscite precedenti, e a bruciare è soprattutto il secondo set, in cui la squadra di Parisi guidava per 18-22 e ha poi sprecato sette set point, un paio dei quali con palla comoda per chiudere. Forse vincere quel parziale avrebbe potuto cambiare l’inerzia della partita, ma il merito va comunque alla Trasporti Pesanti, perfetta nella correlazione muro-difesa e guidata in regia dalla MVP Hancock.

Coach Parisi, privo delle indisposte Ishikawa e Acciarri, schiera Battistoni in palleggio, Kipp opposto, Lazic e Alsmeier in banda, Graziani e Mazzaro al centro e Leonardi nel ruolo di libero, mentre Pintus risponde con Hancock in regia, Smarzek opposto, Perinelli e Lee in posto quattro, Lohuis al centro insieme a Colombo e Manfredini – che si alternano col cambio under – e De Bortoli libero.
Il primo set è per buona parte decisamente equilibrato (14-14), fino a quando Lohuis e l’errore di Kipp regalano il 16-14 a Casalmaggiore, col conseguente time out di Parisi: un altro errore in attacco di Kipp vale il 17-14, poi sul 18-16 arriva il doppio cambio con Agrifoglio e Kraiduba per Kipp e Battistoni, ma Lee allunga ancora con la pipe del 21-17 e Parisi spende il suo secondo time out. Al rientro l’attacco out di Perinelli (21-19) concede qualche speranza alle bisontine, poi sul 22-19 Parisi chiude il doppio cambio ma la Trasporti Pesanti riparte e Lee chiude 25-21.

La reazione di Firenze arriva nel secondo set, con Alsmeier e Kipp che creano il primo break (6-9) e Pintus che ferma il gioco: le bisontine ricominciano a sbagliare e Casalmaggiore impatta sull’11-11, Mazzaro risponde con primo tempo e ace (11-13), poi anche Kipp trova la ‘doppietta’ con servizio vincente e mani-out del 12-16. Ancora una volta le padrone di casa trovano il modo di rientrare sfruttando qualche disattenzione de Il Bisonte (16-17), poi Kipp suona nuovamente la carica (16-19) e Pintus chiama time out, anche se subito dopo Mazzaro piazza il muro del 16-20: entra Obossa per Smarzek, l’elastico continua con Lohuis che mette primo tempo e muro (18-20), ma Battistoni e Mazzaro rispondono con muro e primo tempo a ristabilire il + 4 (18-22). Pintus prova Cagnin per Perinelli, Casalmaggiore difende e spinge tornando sul 21-22 con Lee e allora Parisi deve chiamare time out: al rientro Kipp impedisce il pareggio con il monster block su Lee del 21-23 ma Lee risponde con la stessa moneta e poi Lazic sbaglia (23-23), direzionando il set verso una interminabile serie di vantaggi. Il primo set point è di Firenze con l’invasione di Lee (23-24), ma Smarzek – appena rientrata in campo – annulla (24-24), poi per le bisontine ne arriveranno altri sei, tutti cancellati, ma in almeno due casi con grandi rimpianti per non aver chiuso attacchi facili, mentre Casalmaggiore riesce a chiudere al terzo grazie a un errore in attacco di Lazic (34-32).

Nel terzo set rimane in campo Cagnin, poi sul 6-5 entra Cesè per Lazic, ma Casalmaggiore in difesa tira su tutto mentre Firenze fa una fatica enorme in attacco, con Cagnin che può allungare sul 10-7: Parisi inserisce Kraiduba per Kipp, Lohuis trova l’ace del 13-9 e Parisi chiama time out, ma la Trasporti Pesanti fugge con un altro ace, stavolta di Hancock (16-10) e alla fine chiude con la fast del 25-18 di Lohuis.

LE PAROLE DI GIULIA LEONARDI – “Questo è un 3-0 che brucia molto: a noi è mancato soprattutto l’attacco, loro sono state bravissime a muro-difesa mentre noi abbiamo fatto veramente fatica a buttare giù la palla. Purtroppo ci capita già da qualche partita, oggi poi ci mancava una pedina importante come Ishikawa, ma al di là di questo sicuramente non è stata una prestazione brillante. Peccato per il secondo set, in cui abbiamo avuto tante occasioni per chiudere: forse avremmo potuto cambiare il senso della partita, invece perderlo così è stata una bella batosta”.

ALTRE NEWS

I NOSTRI SPONSOR