IL BISONTE SHOW, 3-1 ALLA WASH4GREEN E OTTAVO POSTO RICONQUISTATO

7 Gen 2024

WASH4GREEN PINEROLO 1

IL BISONTE FIRENZE 3

 

WAH4GREEN PINEROLO: Sorokaite 8, Cosi ne, Cambi 4, Di Mario (L2) ne, Polder 9, Bussoli ne, Moro (L1), Storck 11, Camera, Németh 8, Akrari 11, Ungureanu 14. All. Marchiaro.

IL BISONTE FIRENZE: Acciarri, Ribechi (L2) ne, Ishikawa 22, Leonardi (L1), Battistoni 1, Alsmeier 28, Cesé Montalvo 1, Lazic ne, Mazzaro 4, Graziani 8, Agrifoglio ne, Kraiduba 12, Stivrins ne. All. Parisi.

Arbitri: Verrascina – Rossi.

Parziali: 22-25, 18-25, 26-24, 20-25.

Note – durata set: 27’, 27’, 28’, 23’; muri punto: Pinerolo 6, Il Bisonte 9; ace: Pinerolo 3, Il Bisonte 5.

Il 2024 comincia alla grande per Il Bisonte Firenze, che conquista una vittoria importantissima su un campo difficile come quello della Wash4Green Pinerolo, e compie un bel balzo in avanti in classifica: il 3-1 vale il sorpasso all’ottavo posto su Roma, e il sesto, occupato da Vallefoglia e dalle stesse piemontesi, è distante solo due punti. Dopo due set vinti molto bene, perdere il terzo nonostante un match point a favore poteva essere una mazzata per le bisontine, che invece non si sono scomposte e hanno chiuso al quarto: straordinaria la prestazione di Alsmeier, MVP con 28 punti – di cui 4 a muro e 2 in battuta – e il 60% di efficienza in attacco, ma tutta la squadra ha girato alla grande, dando buone sensazioni in vista di un ciclo che la vedrà affrontare nei prossimi quattro match tutte avversarie di pari livello.

Coach Parisi schiera Battistoni in palleggio, Kraiduba opposto, Ishikawa e Alsmeier in banda, Graziani e Mazzaro al centro e Leonardi nel ruolo di libero, mentre Marchiaro, privo dell’infortunata D’Odorico, risponde con Cambi in regia, Storck opposto, Ungureanu e Sorokaite in posto quattro, Akrari e Polder al centro e Moro libero.

L’inizio è equilibrato, il primo allungo è de Il Bisonte con un paio di attacchi di Alsmeier (5-8), poi gli scambi continuano ad essere lunghi e combattuti, ma sull’errore in attacco di Polder (11-15) Marchiaro è costretto a chiamare il suo primo time out: pur soffrendo, le bisontine riescono a tenere il vantaggio, una scatenata Alsmeier firma il pallonetto spinto del 15-19 e l’attacco del 16-20, poi sul 17-21 di Kraiduba Marchiaro ferma di nuovo il gioco, e Pinerolo si riavvicina con l’ace fortunato di Akrari (19-21), con Parisi che saggiamente spende il time out. Al rientro Ishikawa chiude un lungo scambio col lungolinea del 19-22, poi Cambi trova il muro del 21-22 ma Kraiduba risponde (21-23) e Marchiaro prova il doppio cambio con Nemeth e Camera per Cambi e Storck: l’ucraina è ancora produttiva e procura tre set point (21-24), Ungureanu annulla il primo ma sul secondo chiude Alsmeier col suo settimo punto nel set, e il 70% in attacco (22-25).

Anche nel secondo set è la tedesca la prima a sparigliare le carte con la sua varietà di colpi (6-8), poi l’errore in attacco di Ungureanu vale l’8-11 e il primo time out di Marchiaro: al rientro Mazzaro mura Storck per il + 4 (8-12), poi Alsmeier allunga con la pipe dell’11-16 e Marchiaro è costretto a fermare di nuovo il gioco. Firenze non si ferma, Ishikawa trova l’ace del 12-18 e Marchiaro prova anche il doppio cambio con Nemeth e Camera per Cambi e Storck, ma il gap è troppo ampio e Graziani chiude con primo tempo e muro del 18-25.

Il copione si ripete a inizio terzo set, con la grande battaglia iniziale e il primo allungo delle ospiti firmato dall’ace di Battistoni e dall’errore in attacco di Ungureanu (8-11): la romena prova a riscattarsi con l’ace del 10-11, Akrari impatta sul 12-12 e Sorokaite sorpassa (13-12), con il muro di Akrari del 14-12 che costringe Parisi al time out nel primo momento difficile della partita de Il Bisonte. La chiacchierata ispira Ishikawa che con due attacchi pareggia subito (14-14), Akrari e Storck riallungano (17-14), ma Firenze non ci sta e Alsmeier piazza il muro del 18-17, con Marchiaro che ferma il gioco e la tedesca che subito dopo stampa anche Storck per il 18-18: Ungureanu riporta Pinerolo sul + 2 (20-18), Parisi chiama time out e poi è ancora un muro di Alsmeier su Polder a valere il 21-21, ma la stessa tedesca sbaglia in attacco e regala il 23-21 alla Wash4Green. Non è finita, perché Alsmeier è inesauribile (otto punti nel set) e firma prima l’attacco del 23-22 poi l’ace del 23-23, con Marchiaro che ferma il gioco, e subito dopo un altro ace per il 23-24: Marchiaro prova la carta del doppio cambio con Nemeth e Camera per Cambi e Storck, l’ungherese annulla il match point e poi Battistoni commette fallo su una ricezione slash (25-24), con Ungureanu che subito dopo chiude 26-24.

Firenze non si abbatte e parte bene con il 5-7 di Kraiduba, poi Ishikawa pesca un ace fortunato e sul 5-8 Marchiaro ferma subito il gioco: sul muro di Alsmeier del 5-9 entra Nemeth per Storck, ma Ishikawa allunga ancora con due pipe (6-11) e Marchiaro spende subito il suo secondo time out. Un paio di errori di troppo riavvicinano Pinerolo (9-11), Nemeth spinge forte e accorcia ancora (12-13), ma le bisontine sanno soffrire e poi sfruttano il primo errore di Nemeth per tornare sul + 3 (17-20): su un ottimo ingresso in battuta di Acciarri per Mazzaro, Graziani allunga ancora col muro del 18-22 e Ishikawa mette giù il 18-23, poi Alsmeier procura cinque match point (19-24) e Ishikawa (dieci punti nel quarto parziale) chiude al secondo col mani-out del 20-25.

LE PAROLE DI ILARIA BATTISTONI – “Sono molto felice per questa vittoria, ci voleva per il nostro umore dopo la sconfitta nel derby: peccato per come abbiamo perso il terzo set, però forse i primi due li abbiamo vinti troppo facilmente quindi è giusto così e sono contenta per la reazione nel quarto. Possiamo ancora migliorare, ma oggi sono soddisfatta per la prestazione e dobbiamo andare avanti su questa strada: per esprimere il nostro gioco veloce, che è difficile da leggere per gli avversari, la ricezione deve essere molto positiva, oggi è andata bene e quindi avanti così”.

ALTRE NEWS

I NOSTRI SPONSOR